I delitti contro l'ambiente

Corsi a catalogo

Tutela dell'ambiente, Energia

Roma, 6 giugno 2017

Contattaci per un'offerta personalizzata

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale
Tel. 0633245444 – Fax 0633111043
Più informazioni? Utilizza il modulo per essere subito contattato oppure scrivi a

clienti@istitutoinforma.it

Per maggiori informazioni compila il modulo

Nome e cognome Telefono Azienda Email Note  (Approfondisci)

Sanzioni più rigorose per un più efficace contrasto

Legge 22 maggio 2015, n. 68 (G.U. n. 122 del 28/05/2015)

 I Docenti del corso

Avv. Daniele CAMPO
Avvocato in Roma - Esperto tutela ambiente

Dott. Andrea PEGAZZANO
Esperto tutela ambientale, Autorità di Bacino del Fiume Po
La nuova legge sugli “ecoreati” introduce nel codice penale "nuovi delitti" contro l'ambiente. Sono cinque:

1. inquinamento ambientale
2. disastro ambientale
3. traffico e abbandono di materiale ad alta radioattività
4. impedimento del controllo ambientale
5. omessa bonifica.

Questi reati sono puniti con diversi anni di reclusione e pesanti multe. Inoltre, sono previste specifiche aggravanti nel caso di commissione in forma associativa di tali delitti.

I rischi non sono solo limitati alle nuove pene detentive. In caso di condanna o patteggiamento per questi reati, il giudice deve sempre ordinare la confisca delle cose che sono il prodotto o il profitto del reato o che sono servite a commetterlo. Se la confisca dei beni non è possibile, il giudice ordina la confisca per equivalente. I beni e i proventi confiscati sono messi nella disponibilità della pubblica amministrazione competente e vincolati all'uso per la bonifica dei luoghi. Vengono infine raddoppiati i termini di prescrizione: non si potrà più sfuggire all’autorità giudiziaria come spesso oggi avviene.

Vengono dunque introdotti per la prima volta nel codice penale i delitti contro l’ambiente, prevedendosi pene “vere” per le quali il rischio “carcere” diventa adesso reale, considerati gli elevatissimi limiti di pena previsti dai nuovi reati, che consentono anche l’arresto e l’applicazione di misure detentive anche in fase cautelare.
Dopo un attento esame delle novità normative, sarà effettuato un approfondimento di natura tecnica, al fine di consentire agli operatori del settore l’individuazione dei corretti adempimenti da seguire per evitare di incorrere nel rigore della nuova disciplina, il cui studio si presenta necessario ove si consideri che, almeno per i reati di più frequente commissione, si risponderà non solo per dolo ma anche per colpa. Basterà dunque una leggerezza, una negligenza o anche la semplice mancata conoscenza della normativa di settore per far scattare i rigori della legge.
Al termine del corso i partecipanti avranno acquisito:
- gli strumenti necessari per una corretta comprensione della nuova normativa
- i criteri di valutazione e le risorse necessarie per il corretto approccio tecnico e metodologico alle problematiche.

Altri corsi che potrebbero interessarti

  • img

    Corsi a catalogo

    Corso di perfezionamento per il Manager dell'Ambiente

     Dettagli
  • img

    Corsi a catalogo

    La gestione documentale dei rifiuti e il sistema di tracciabilità SISTRI

     Dettagli
  • img

    Corsi a catalogo

    SISTRI e tracciabilità dei rifiuti

     Dettagli
  • img

    Corsi a catalogo

    Il Testo Unico Ambientale dopo i decreti correttivi

     Dettagli
  • img

    Corsi a catalogo

    La corretta classificazione e l'esaustiva caratterizzazione del rifiuto

     Dettagli