Salute e sicurezza dei lavoratori all'estero

Corsi a catalogo

Salute e sicurezza sul lavoro

Roma, 18 novembre 2019

In collaborazione con

Contattaci per un'offerta personalizzata

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale
Tel. 0633245277 – Fax 0633245248
Più informazioni? Utilizza il modulo per essere subito contattato oppure scrivi a

clienti@istitutoinforma.it

Per maggiori informazioni compila il modulo

Nome e cognome Telefono Azienda Email Note  (Approfondisci)

Voglio ricevere in anteprima le novità, le offerte dedicate, i coupon di sconto, le promozioni speciali in linea con i miei interessi secondo quanto indicato al paragrafo c) punto 2) dell'informativa sulla privacy

Valido come corso di Aggiornamento per RSPP e ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori
(D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

 I Docenti del corso

Magistrato del Tribunale di Roma, esperto nelle tematiche trattate.

Prof. Paolo Bianco
Responsabile Servizio Sanitario Aziendale – Rai Radiotelevisione Italiana
Il fenomeno della globalizzazione e la sempre più crescente espansione dei mercati in cui le imprese si trovano ad operare determinano l’esigenza frequente, anche per le imprese italiane, di operare all’estero.

Ciò vale non solo per le imprese ad elevata capacità tecnologica, ma anche per imprese di dimensioni e capacità meno rilevanti, soprattutto in questo periodo di crisi economica che impone a volte una “fuga” verso mercati esteri. Si determina perciò necessariamente l’esigenza di confrontarsi con la legislazione propria dei paesi in cui l’attività imprenditoriale si esplica e quindi la necessità dover applicare normative diverse da quelle del nostro paese.

Tale esigenza riguarda anche il settore della sicurezza del lavoro, essendo imprescindibile garantire anche all’estero condizioni di lavoro adeguatamente sicuro. Il legislatore italiano non ha emanato una normativa specifica sulla tutela della sicurezza del lavoro all’estero, e ciò anche in considerazione delle delicate problematiche di diritto internazionale privato in tema di individuazione della legge applicabile. E’ palese, al riguardo, l’esigenza di una prima differenzazione tra lavoro prestato in paesi dell’Unione Europea (nei quali vige una normativa coerente con quella italiana) e lavoro prestato in paesi extraeuropei, nei quali vige spesso una cultura del lavoro sostanzialmente diversa e spesso assolutamente inadeguata a garantire sufficienti standard di tutela. E ciò anche con riguardo alla presenza di condizioni di lavoro che, a volte, per ragioni climatiche o anche di sicurezza pubblica, non sono assolutamente confrontabili con quelle che normalmente caratterizzano il lavoro nel nostro paese.

Il corso si propone di fornire criteri di orientamento nell’ambito degli strumenti normativi internazionali, europei e nazionali per individuare la normativa applicabile alle diverse fattispecie, tenendo nella dovuta considerazione le marcate differenze tra attività prestata nell’Unione Europea e nei paesi extracomunitari. Verranno in particolare analizzate le differenze a seconda della diversa conformazione del rapporto di lavoro. Saranno poi forniti criteri di orientamento in ordine sia al “quantum” di prevenzione comunque attuabile in Italia, sia alle modalità di assolvimento dei più rilevanti obblighi prevenzionistici nello svolgimento del lavoro all’estero. Da ultimo saranno affrontate tematiche di diritto penale derivante dalla commissione all’estero di eventuali reati in materia di sicurezza, nonché questioni di carattere previdenziale.

Attestato
Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione dall’Istituto Informa. I Responsabili e gli Addetti SPP e i Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori riceveranno, inoltre, un attestato di frequenza al Corso di Aggiornamento, con relativa durata, dall’Università degli Studi Roma Tre, valido ai sensi del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.